Smoothie Detox: funzionano davvero?

Semplici, colorati e divertenti. Gli smoothies sono riusciti a conquistare sempre più la fiducia dei giovani e non solo grazie alla loro freschezza e il gusto di aiutare la nostra salute in un battibaleno. Possiamo acquistarli già confezionati oppure prepararli con frullatore e centrifuga, ma in ogni caso sarà sempre un’ottima soluzione per idratarci e fornire al nostro corpo tutti i sali minerali e gli oligo-elementi di cui abbiamo bisogno.
Amici della nostra salute, gli smoothies, termine di origine inglese che rimanda alla parola smooth che significa liscio, sono dei piccoli frullati a base di frutta e verdura fresca. Si differenziano dal classico frullato per la loro consistenza leggermente più densa e vellutata, per la mancanza del latte che lo farebbe diventare un milk shake e, a volte, possono avere lo yogurt tra gli ingredienti. Esistono in linea generale tre categorie di smoothies: quelli a base di sola frutta, i mix di verdura e frutta e i cosiddetti detox. L’unica differenza fondamentale è nell’insieme degli ingredienti che devono essere sempre freschissimi e di stagione.

Gli smoothies detox, un’ottima idea per disintossicare il nostro organismo.

Scegliendo ingredienti ricchi di vitamine, fibre e antiossidanti è possibile soddisfare pienamente il nostro fabbisogno quotidiano vitaminico, regolarizzare l’intestino e assumere elementi preziosi per contrastare i radicali liberi. Occorre tenere presente che non si tratta di integratori né tanto meno una cura, ma nell’ottica di migliorare il nostro metabolismo è davvero importante assumere in modo regolare un certo numero di smoothies al giorno. Se siamo interessati a sfruttare pienamente il potenziale detox dei nostri smoothies dobbiamo tenere in mente che i fattori chiave che determinano o meno dei risultati tangibili sono la scelta degli ingredienti, l’assunzione regolare di almeno 3 smoothies al giorno e la durata nel tempo che sarebbe meglio non essere inferiore ai 3 mesi. Con questi accorgimenti sarà davvero possibile aiutare il nostro corpo a eliminare in modo naturale ed efficace le tossine che si generano dalla cattiva alimentazione, dall’inquinamento e dallo stress. Inoltre, la grande quantità di acqua, sia semplice che nel gel naturalmente contenuto in frutta e verdura, aiuta l’idratazione permettendo di velocizzare lo smaltimento delle tossine attraverso i reni. Un’idea molto interessante, che può andare incontro a chi vuole perdere un po’ di peso, può essere quella di sostituire il pasto con un ottimo smoothie per due o tre volte la settimana. Tenendo presente che sarà comunque necessario assumere durante la giornata tutti gli elementi utili al nostro corpo e che un consiglio da parte del nutrizionista di fiducia è sempre importante, sostituire il pranzo con uno smoothie di frutta e verdura è davvero un modo utile per ridurre il girovita. A seconda degli ingredienti utilizzati gli smoothies possono diventare sicuramente degli ottimi e preziosi alleati per la nostra salute.

Preparare i detox smoothies seguendo la regola del colore verde.

Un modo semplice e pratico per ottenere un ottimo effetto disintossicante, reidratare il nostro organismo e anche perdere qualche chiletto è quello di bere solamente smoothies di colore verde. Può sembrare strano ma proprio la predominanza di questo colore significa che avremo utilizzato in prevalenza verdure che, assunte crude o sotto forma di succo, possono davvero fare la differenza. Tutti noi siamo abituati a mangiare le verdure cotte ma la cottura ne altera molte delle proprietà salutari, riducendole se non addirittura azzerandole. Con un po’ di coraggio e buona volontà si possono facilmente individuare le verdure che è possibile assumere crude preferendo sempre quelle che hanno un grande contenuto di acqua. I cetrioli, la lattuga, il sedano comprese le sue foglie, molto ricche di preziosi elementi per la nostra salute, sono sicuramente quelle più indicate ma, con un pizzico di fantasia ecco che possiamo anche aggiungere gli spinaci freschi, il cavolo nero, l’alga spirulina e molte altre verdure. Nell’aggiungere la frutta è sempre meglio prediligere le mele, l’avocado, l’ananas e il succo di limone, evitando quella eccessivamente dolce e troppo zuccherina. Niente zucchero, al massimo se proprio se ne sente il bisogno si può ricorrere ad un cucchiaino di miele senza dimenticare di aggiungere lo zenzero fresco, una preziosa fonte di benessere per la nostra salute.

Pin It on Pinterest